Città del Capo

Città del CapoCape Town, Città del Capo, è la capitale legislativa del Sudafrica; posta nella punta più a sud del continente, nel 2007 contava tre milioni e mezzo di di cittadini. Cape Town è anche capoluogo della provincia del Capo Occidentale. Le sue origini risalgono al 1652, quando una colonia di olandesi si stanziò presso una baia situata a nord di una splendida penisola, chiamata Penisola del Capo. L’elemento peculiare di questa piccola lingua di terra è che costituisce il trade union fisico tra il vasto altopiano delle Table Mountain, dette anche Tafelberg, molto vicine ai litorali atlantici,e la bellissima costa della Mother City. Le cime più alte che si trovano nei dintorni toccano anche i 1080 metri sul livello del mare: sul Devil’s peak, il Lion’s head ed il Signal hillspesso si formano delle nuvolette di nebbia, che qui chiamano table cloth,ossia la tovaglia.

Panoramica Il City Bowl costituisce il centro cittadino, ed è situato alla base di una depressione creata dai tanti rilievi posti intorno ad essa; l’architettura del centro appare come una mescolanza di edifici dai diversi stili, costruiti in epoche diverse, nei quali spesso si palesano evidenti eredità olandesi. Affianco ad alti grattacieli e centri commerciali, non è difficile scorgere qualche cape dutch. Dal City Bowl parte una funivia che culmina sulla punta del tavoliere, da dove si può scorgere anche il Capo di Buona Speranza, sempre se la giornata sia tersa e soleggiata. Il Capo è particolarmente bello da ammirare dall’alto, dato che si vedono come i due oceani si incontrano e danno luogo ad una miriade di sfumature di azzurro e verde che si fondono con i colori della fauna delle smerlate coste: un panorama di grande impatto emotivo. Prima di scendere di nuovo a valle, vi consigliamo una sosta al Kirstenbosch National Botanical Gardens, un giardino botanico con più di 5 mila tipi di piante differenti. Una volta giunti di nuovo a bassa quota, l’attrazione che vi suggeriamo di vedere è la Houses of Parliament, il Palazzo del Parlamento; detta anche Castle of Good Hope, è stata costruita tra il 1666 ed il 1679 ed è il palazzo più antico di tutto il Sudafrica. L’edificio si trova lungo Buitekant Street ed ospita anche un museo militare, oltre alla collezione d’arte di William Fehr. Tra i musei da visitare vi è anche il  South African Museum, che ospita fossili appartenenti a diverse epoche storiche, diversi reperti archeologici ed una galleria interamente  dedicata alla balene. Tra le vie del centro, vicino ai giardini della Company Gallery, si trova il South African National Gallery, che ospita stabilmente le opere degli artisti autoctoni e dove spesso vengono allestite delle mostre temporanee dedicate ad artisti internazionali. Le spiagge nei pressi di Cape Town sono numerose e sono predisposte per ogni tipo di sport acquatico, come lo snorkeling o il surf, canottaggio o vela. Visto che altri sport non proprio acquatici si praticano vicino alle spiagge, queste sono organizzate anche per la pratica del golf, del trekking, del rafting, e ovviamente, della pesca. Per vedere le bellezze dell’area di Cape Town da un’altra angolazione, è possibile imbarcarsi sui battelli delle aziende che propongono crociere di breve durata nelle isole vicine o intorno alla penisola; tra le isole più gettonate, la più suggestiva è la Robben Island , l’ex carcere dove è stato rinchiuso Nelson Mandela per vent’anni. Nelle isole, tutte diventate riserve naturali, troverete la compagnia di diverse colonie di pinguini africani che abitano in mezzo alla fynbos, la particolare flora locale costituita da alcuni tipi di arbusti.  Per riposarvi dopo le gite fuori porta, non c’è niente di meglio che vagare tra le bancarelle di Green Market Square, un mercatino aperto tutti i giorni dove si possono trovare oggetti tipici dell’artigianato, oggetti in pelle, tessuti e gioielli; in alternativa, potete passare al mercato malese, che vi riempirà le narici con i suoi incensi e aromi speziati. Se invece non cercate nulla di etnico, la strada giusta per voi è la St. George ’s Mall, dove troverete negozi d’alta moda, boutique di marche prestigiose e le gioiellerie con i più bei diamanti trovati nella zona. Il vecchio porto, infine, viene chiamato Victoria & Albert Waterfronted è un’area di recente restaurazione, all’interno della quale troverete negozi e ad altri servizi ricreativi, come cinema, centri commerciali, discoteche e ristoranti con la tipica cucina di crostacei e pesci ad un prezzo conveniente. Cape Town è servita da un aeroporto internazionale, il secondo della nazione. Tutti i tragitti internazionali sono coperti, così come quelli nazionali ed i voli commerciali. Il clima della regione è di tipo mediterraneo, caratterizzato da temperature miti e da un vento sempre abbastanza forte per quasi tutto l’anno che soffia dal mare, chiamato Cape Doctor.L’inverno dura circa quattro mesi ed inizia a maggio; è caratterizzato da piogge sostenute e da una temperatura massima che non scenda mai sotto i 18 gradi, mentre la minima si assesta mediamente intorno ai 9 gradi. L’estate, invece, inizia a novembre per terminare a marzo, ed è particolarmente secca, con punte di 28 gradi di massima e 15 di minima; queste sono sicuramente le condizioni ottimali per godersi un bel soggiorno.

 

Adderley Street

La strada principale di Cape Town (Città del Capo, capitale della Repubblica del Sud Africa) è sicuramente Adderley Street. Essa parte da Heerengracht che è la parte alta della città, ed arriva fino al parco cittadino denominato "Company's Garden". La strada venne dedicata, nel 1850, ad un illustre parlamentare inglese Charles B. Adderley, che coraggiosamente si batté perché Cape Town non finisse col diventare una colonia inglese.Molto ben servita nel 1910 da un buon sistema di trasporti pubblici con i famosi tram inglesi a due piani, con tanto di guida a sinistra.Lungo entrambi i lati la strada è fiancheggiata da imponenti edifici d’epoca che appartengono alle compagnie sudafricane più importanti nel ramo della Finanza, delle Assicurazioni e Bancario.Se si prende questa strada partendo dal mare, si arriva subito nei pressi della Stazione Centrale, situata in un edificio non particolarmente bello. Lì vicino si trova anche la stazione dei bus, con un buon collegamento della città alle località situate nei dintorni.

Affacciato su Adderley Street, proprio di fronte alla stazione, si trova un curioso mercatino all’aperto. I moltissimi articoli che vengono venduti qui, tutti molto convenienti, variano dai capi di abbigliamento in pelle alle scarpe. Una particolarità di queste bancarelle è la vendita di molti capi di abbigliamento sportivo di griffe molto prestigiose. Sono molto belli e costano davvero poco ma naturalmente c’è il trucco: l’avventato acquirente si ritroverà infatti tra le mani un articolo contraffatto di ben limitata durata di vita.St. George's Mall è una strada che corre parallela alla Adderley Street: è la zona dello shopping sfrenato. Molti negozi hanno addirittura le doppie entrate che danno su tutte e due le strade. In zona si trova anche il mercato dei fiori, molto rinomato e fra i più antichi (esiste da un centinaio di anni). Aperto tutti i giorni, vi si trovano fiori freschissimi raccolti ogni mattina e subito pronti per essere venduti al mercato dopo poche ore. Numerosi edifici storici sorgono nella zona alta di Adderley Street, che è quella più antica. Qui si trova una delle chiese più antiche di tutto il Sud Africa, la Groote Kerk, situata su Church Square.Al fondo di questa strada sorge la sede della tristemente famosa, a causa del traffico degli schiavi, Compagnia Olandese e dell’Est dell’India. Al suo interno sorge attualmente il Museo della Cultura.

Cape Peninsula National Park

Nella parte più estrema a sud dell’Africa occidentale si trova il Cape Peninsula National Park (ex Cape of Good Hope Nature Reserve). Si estende lungo tutta la catena montuosa della penisola, partendo a nord dalla località di  Signal Hills e a sud da quella di Cape Point, per un totale di circa60 km. Questa sottile striscia di terra, con le sue stupende vallate, le baie e le spiagge, è lambita ad ovest dalle acque fredde dell’Oceano Atlantico e ad est, da quelle un po’ più calde della False Bay. Qui si possono trovare due tra i più meravigliosi e famosi panorami nel mondo: l’imponente Table Mountain e il leggendario Cape of Good Hope (Capo di Buona Speranza). Da questi importanti punti di riferimento, usati dai primi esploratori per potersi orientare in questi territori ancora inesplorati, nacquero molti miti e leggende. Gli scenari unici di questi luoghi, con le scogliere, i profondi dirupi e le spiagge di sabbia finissima, e la vegetazione che possiede sono ricchezze apprezzate in ogni parte del mondo. Infatti tutta la zona è diventata, per il turismo sia locale che internazionale, un punto di riferimento culturale, storico e ambientale. Ed è anche un orgoglio nazionale pensare che non si può trovare un territorio come questo, così ricco di bellezze e dall’ambiente talmente vario per un’area cittadina come lo è Cape Town, in nessun’altra parte al mondo. Ed infatti nel 1998 è stato creato questo parco nazionale con l’intenzione di salvaguardare tutto il suo patrimonio e tenerlo sotto controllo con una sola gestione. Le specie vegetali che si sviluppano su questa penisola sono 2285, tutte diverse, di cui 90 si possono trovare esclusivamente qui. Per poterle ammirare in tutta la loro bellezza, il periodo più adatto è la primavera: è infatti il momento in cui i fiori stanno per sbocciare. All’interno del parco Cape Peninsula vivono molti mammiferi, anche se purtroppo la gran parte delle specie indigene siano ormai estinte (ad esempio l’ultimo leone del Capo è stato ucciso nel 1802). Tra le razze che si possono trovare citiamo il bontebok (o damalisco), il grysbok (o racifero dalle orecchie nere), il caracal, la lontra, la mangusta e i babbuini. Molti cartelli avvertono di non dare assolutamente da mangiare a questi ultimi animali: è successo molte volte, infatti, che questi babbuini, mentre venivano abbassati i finestrini, entrassero dentro all’auto distruggendola. Non mancano le moltissime varietà di uccelli: tra i più curiosi, il sugarbird del Capo, la cui particolarità consiste nel fatto che vive solamente sui fiori dei fynbos. Una colonia di pinguini, visibile sulle spiagge della località di Boulders, è una delle attrazioni preferite del parco.

A Miller’s Point e a Soetwater si trovano le strutture di accoglienza per camping e i siti messi a disposizione per i camper, le uniche sistemazioni possibili all’interno del Parco. Ma essendo vicino a Città del Capo è comunque facile trovare una sistemazione adeguata in qualche albergo vicino.

Svaghi e Occasioni di Divertimento a Città del Capo

Giustamente ritenuta una delle migliori città al mondo, Città del Capo offre una vastissima scelta in fatto di ottimi ristoranti, negozi per fare shopping, molti chilometri coltivati a vigne, ogni genere di sport per tutti gli appassionati e spiagge stupende. Sono moltissimi gli intenditori appassionati di jazz in città. Qui di seguito alcuni locali da non perdere se si è amanti del genere:

  • Il Green Dolphin dove si potrebbe avere la fortuna di sentire musicisti quali Sylvia Mdunyelwa, Dave Ledbetter e Gavin Minter mentre si consuma un’ottima cena.
  • Il Marimba (nel Convention Centre) dove si consiglia di prenotare se in cartellone ci sono star quali Judith Sephuma e Gloria Bosman.

Città del Capo è un intreccio di corpo, mente e spirito. Si possono trovare infatti molti centri benessere, piscine e saune. Se siete patiti di pratiche salutistiche alternative, le soluzioni esoteriche non mancheranno.

  • In città si trovano i centri benessere della catena Serenite, che offrono trattamenti e terapie molto qualificati ed eseguiti in un ambiente raffinato. Assolutamente da provare sono il Serenite Constantia che ha al suo interno un giardino di tradizione Feng Shui e il Serenite di Mouille Point, dove ogni giorno ci sono i ritiri e da cui si godono degli stupendi panorami sul mare.
  • AltiraSPA (situato all’interno dell’Arabella Sheraton Grand Hotel) è il centro più lussuoso di tutti. Dal suo 19° piano d’altezza, si può vedere in tutta la sua bellezzala Table Mountain.
  • L’Hotel (e centro benessere) Twelve Apostles ha ricevuto una segnalazione per ricevere il premio di qualità da Conde Nast Traveller UK.

L’ospitalità offerta dal Sudafrica è cosa risaputa, ma nel corso degli ultimi anni è aumentata grazie all’apertura di nuovissime boutique hotel di altissimo livello.

Ecco qui un elenco dei più interessanti secondo noi:

  • Kensington Place, sorge nel quartiere vip di Higgovale, al suo interno si trovano 8 camere arredate ecletticamente con dei motivi che richiamano l’Europa e l’Africa. È particolarmente indicato per chi ama l’attenzione dei particolari ed esige un servizio impeccabile.
  • Hippo, in Kloof Street, è all’avanguardia nel suo design e nell’architettura d’interni e sta già diventando di tendenza.
  • Il Cape Grace non è propriamente un boutique hotel, ma lo inseriamo in questa lista perché ha vinto parecchie volte il gold award (premio di qualità) decretato dal Conde Nast Traveller UK. Si trova sul V&A Waterfront, e i suoi punti di forza sono: il servizio ineccepibile, le camere con vista, la cucina che è tra le più rinomate della città e al suo interno si trova il Bar Bascule che offre una collezione di 420 tipi diversi di whisky, un vero sogno per gli amanti del single e double malt.

Tutte le migliori firme della moda internazionale stanno sempre più ricercando questa città africana che una volta veniva definita semplicemente un “provinciale villaggio di pescatori”.

In aggiunta alle firme più famose come Louis Vuitton, Gucci, Armani, Fabiani, si stanno ormai facendo strada i numerosi stilisti locali: Hip Hop, Errol Arendz, Gert van der Merwe e Catherine Moore.

Città del Capo è rinomata da sempre anche per essere la capitale sudafricana della buona cucina. Oltre ai fantastici ristoranti che si possono trovare nelle tenute vinicole nell’interno del Paese, sono degni di nota i locali di tendenza che sono sorti negli ultimi anni in centro città.

Alcuni nomi che meritano una visita:

  • Bukhara nel City Bowl, specializzata nella cucina tradizionale dell’India del Nord.
  • Societi Bistro, la sua cucina provenzale di qualità è servita in un ambiente pieno di stile.
  • Da Willoughby’s, situato sul Victoria&Albert Waterfront, si può trovare il sushi più fresco della città.
  • Rimanendo sul Waterfront, troviamo Balducci’s, con le sue insalate, i tramezzini, una vasta scelta di caffè e dessert.
  • Baltazhar è il locale africano più grande dove poter degustare i vini.
  • Moyo, sorge nella cittadina di Spier lungola Strada del Vino, ed è ispirato completamente alla cultura africana sia nell’arredamento che nella scelta dei menù.

A Città del Capo, durante i mesi estivi, è possibile noleggiare uno yacht: all’interno ci sono cabine per coppie, una cucina ottima, l’opportunità di praticare gli sport acquatici preferiti e un servizio inappuntabile. Le luci della città viste dal largo e magari un bicchiere di champagne rendono il tutto uno scenario decisamente romantico. 

Voli economici per il Sudafrica seleziona il tuo aeroporto di partenza dall'Italia o dall'estero e scegli tra decine di compagnie, tra cui Ryanair, Easyjet e tante altre e vola con prezzi super convenienti. Risparmia fino al 50%...